Cambia Lingua

Overseas con la sua flotta di barche di ultima concezione  promuove una nuova attivita’ turistica  nel nord sardegna”whale watching” dedicata all’avvistamento delle balene e dei cetacei. e’ una forma di ECOTURISMO, con questo termine si vengono indicate le attivita’ turistiche rispettose dell’ambiente e dell’ecologia.
balenottera comune stenelle stenelle img_4999 Tartaruga stenella striata
Grazie al progetto di dottorato del dr. Luca Bittau, naturalista e dottorando del dipartimento di scienze della natura e del territorio dell’Università di Sassari che ha come titolo i cetacei pelagici nella sardegna nord-orientale:
il progetto di ricerca mira ad incrementare le conoscenze sulla presenza di cetacei pelagici lungo la piattaforma continentale e la scarpata continentale nord-orientale sarda, in collaborazione con la fondazione per la ricerca cima di savona, che da anni studia i cetacei nella porzione settentrionale del santuario pelagos e con il contributo del parco nazionale dell’arcipelago di la maddalena, di fondazione banco di sardegna e rac/spa-unep.
obiettivo generale del progetto è la realizzazione di un monitoraggio sperimentale dei cetacei, con particolare riferimento alle relazioni che intercorrono tra i cetacei pelagici (stenella coeruleoalba, physeter catodon, grampus griseus, globicephala melas, balaenoptera physalus) e le acque costiere del nord orientali della sardegna e delle bocche di bonifacio
unendo cosi turismo e ricerca,cercando di contribuire alla conoscenza dei cetacei per una loro miglior tutela e salvaguardia.
avvistamenti
il nostro crew e formato da persone specializzate nel campo quali biologi e ricercatori che oltre a ricoprire funzioni di guide turistiche e avvistatori, aiutano i passegeri a conoscere le caretteristiche dell’ecosistema marino e dei cetacei; raccogliendo importanti dati di presenza per poter stimare la frequenza in quell’area di studio.
partendo dal molo di  la conia a 2 km da Cannigione ci dirigiamo verso l’area di avvistamento e situata a 15/20 miglia nautiche dalla costa nord orientale della sardegna chiamata canyon sottomarino di Caprera dove i cetacei vanno ad alimentarsi grazie alla vastissima quantitàdi specie plantoniche presenti nell’area.
avvistamenti
il nostro crew e formato da persone specializzate nel campo quali biologi e ricercatori che oltre a ricoprire funzioni di guide turistiche e avvistatori, aiutano i passegeri a conoscere le caretteristiche dell’ecosistema marino e dei cetacei; raccogliendo importanti dati di presenza per poter stimare la frequenza in quell’area di studio.
partendo dal molo di  la conia a 2 km da Cannigione ci dirigiamo verso l’area di avvistamento e situata a 15/20 miglia nautiche dalla costa nord orientale della sardegna chiamata canyon sottomarino di Caprera dove i cetacei vanno ad alimentarsi grazie alla vastissima quantitàdi specie plantoniche presenti nell’area.
l’avvistamento dei mammiferi marini deve essere condotto con estrema prudenza e buon senso seguendo scrupolosamente il codice di condotta e le normative che regolano losservazione dei cetacei come
tenere una giusta distanza,non fare il bagno con gli animali,evitare manovre brusche con cambiamenti di rotta,tenere una velocita costante.
le giornate migliori per osservare gli animali sono quelle con mare calmo, asseza di vento.la loro presenza viene segnalata da un semplice spruzzo da una pinna che emerge dalla superfice del mare, da salti acrobatici.
ogni specie ha comportamenti differenti per questo motivo bisogna avvicinarsi con cautela evitando di disturbarli.
schede identificative

una biorisorsa prioritaria per il parco nazionale dell’arcipelago di La Maddalena ed il parco marino internazionale delle bocche di Bonifacio.

diapositiva1

scheda


Subscribe to comments Both comments and pings are currently closed. |
Post Tags:

Browse Timeline


Comments are closed.

Copyright 2009 © Overseas S.r.l. - Partita Iva 00721170959